Provincia di Treviso - Regione Veneto

Campagna “AIUTACI ma non toccarci”

Pubblicata il 03/07/2018

In questi giorni è molto facile imbattersi in animali selvatici giovani e bisognosi di cure ma pratiche errate di soccorso possono determinare errori fatali che compromettono un ritorno in natura dell’animale.

Accade che, in buona fede, vengano portati al Centro Recupero Fauna Selvatica, esemplari di cuccioli sani, trovati in mezzo l’erba tra versanti pedemontani, i quali non possono più essere reintrodotti in quanto contaminati dall’odore dell’uomo e quindi costretti ad un futuro in cattività.

I giovani mammiferi come caprioli, lepri o ricci vengono partoriti in mezzo all’erba alta ma NON SONO STATI ABBANDONATI: la mamma è sicuramente nei dintorni e solo lei sa come trattare il proprio piccolo. Sentendo sul corpo il tuo odore, lo abbandonerà.

È di vitale importanza evitare qualsiasi contatto con l’uomo!

I piccoli uccelli che escono precocemente dal nido o che cadono accidentalmente, vanno raccolti solo quando siano in immediato pericolo di vita: soggetti PRIVI DI PIUME, FERITI, IN CATTIVO STATO DI SALUTE, INCAPACI DI REGGERSI SULLE ZAMPE o di specie NIDICOLE (es.: RONDONI) vanno raccolti e portati al Centro di Recupero Fauna Selvatica.

Soggetti in situazioni di PERICOLO (per la presenza di gatti o strade nelle vicinanze), o di specie NIDIFUGHE (es.: MERLI) vanno semplicemente spostati in un nascondiglio sicuro (SIEPE fino a 50 m).

In ogni caso dubbio e per ulteriori informazioni si consiglia di contattare rapidamente CENTRO DI RECUPERO FAUNA SELVATICA, chiamando il 3204320671

 
PRIMA DI TOCCARMI, CHIAMA IL CENTRO DI RECUPERO!

Allegati

Nome Dimensione
Allegato LOCANDINA.pdf 1.08 MB

Categorie Informazioni

Facebook Google+ Twitter
torna all'inizio del contenuto